Scoperto un buco accanto alla filiale di una banca, i ladri stavano preparando un colpo

Scoperto un buco accanto alla filiale di una banca, i ladri stavano preparando un colpo

2 Aprile 2021 0 Di Giusy Barbato

Scoperto un buco accanto alla filiale di una banca: Nella giornata di ieri, in un magazzino di Palermo, in via Leonardo Da Vinci, accanto alla banca Credem; la cosiddetta “banda del buco” stava preparando un piano per entrare in azione e rapinare una banca. I proprietari del negozio, dopo essersi accorti di strani segnali nei locali; che tra l’altro avevano deciso di dare in affitto per qualche attività commerciale; hanno subito fatto una segnalazione alla polizia.

Scoperto un buco accanto alla filiale di una banca, i ladri stavano preparando un colpo

Arrivati sul luogo, gli agenti insieme al personale della Scientifica, hanno subito notato dei fori sui muri interni, uno dei quali proiettato proprio sulla Banca Credem. Sono stati inoltre ritrovati a terra, diversi attrezzi probabilmente utilizzati per creare il varco necessario per arrivare all’obiettivo.

Dopo aver acquisito i primi elementi, sono in corso le indagini per capire se la banda era ancora in fase di preparazione per la rapina o se il loro progetto era già stato abbandonato; dato che quel magazzino, era ormai vuoto e sfitto da tempo e dato che i proprietari non entravano lì da tempo; è difficile risalire a quando è avvenuta l’ultima intrusione.

Nel frattempo si stanno svolgendo anche esami accurati sui video di alcune telecamere di sorveglianza.

In questo ultimo periodo o meglio, in questo ultimo anno in cui la pandemia ha letteralmente messo in ginocchio l’economia del nostro paese; Gli episodi di rapine; furti; sono aumentate oltre del 32%. Nonostante i tanti controlli per le strade, c’è stato un’incrementare di criminalità.

Cresce anche la micro criminalità, ci sono episodi di giovanissimi sorpresi a fare rapine o furti. Un ultimo episodio che è finito in tragedia, solo qualche giorno fa a Napoli, dove due ragazzi per rubare il rolex ad un 26 enne sono finiti schiantati contro un muro.

Non c’è stato nulla da fare per i due originari di Sant’Antimo piccola periferia di Napoli.