Ragazza 19enne aggredita appena scesa dal bus: un residente urla e evita l’aggressione

Ragazza 19enne aggredita appena scesa dal bus: un residente urla e evita l’aggressione

6 Aprile 2021 0 Di Giusy Barbato

Ragazza 19enne aggredita: A Cinisello Balsamo, in provincia di Milano, una ragazza di appena 19 anni è stata aggredita subito dopo essere scesa dal pullman. Quasi all’una di notte tra il sabato e la domenica, non appena la ragazza è scesa, si è ritrovata davanti a sé; sul marciapiede; in una strada abbastanza deserta, un ragazzo che si stava slacciando i jeans.

Ragazza 19enne aggredita appena scesa dal bus

Proprio in via Tiziano, dove si trova la fermata del bus, a Cinisello, il ragazzo senza pensarci due volte la stringe da dietro e la scaraventa a terra deciso di far violenza alla diciannovenne. Per fortuna un uomo che ha assistito alla scena dal suo balcone di casa, urla contro l’aggressore di fermarsi o avrebbe chiamato la polizia. A quel punto sentendosi minacciato, il ragazzo fugge, ma solo dopo una ventina di minuti è stato catturato dai carabinieri di Cinisello Balsamo.

L’aggressore era un ragazzo di 22 anni egiziano, immigrato irregolare e incensurato. Le accuse nei suoi confronti, rinvenute dalla procura di Monza; sono di lesioni e violenza sessuale aggravata, in quanto l’aggressione è avvenuta nel cuore della notte, in assenza di testimoni e passanti. Quella notte tra il 3 e il 4 aprile, la vittima intenta a tornare a casa ha dichiarato che nel momento in cui si è ritrovata quel ragazzo davanti, stava parlando al telefono con un suo amico ed è riuscita solo a dire “aiuto”.

L’aggressore 22enne, è parecchio robusto e molto più alto di lei, e la ragazza afferma di aver subito intuito le sue intenzioni nel momento in cui ha visto slacciarsi la cintura dei pantaloni. Dopo essersi ritrovata a terra con lui sopra, anche se non riesce a divincolarsi in quanto il ragazzo è molto più pesante di lei, le sue urla riescono ad arrivare ad un residente della zona che allerta immediatamente i carabinieri.

L’assalitore egiziano, verrà trovato dopo una ventina di minuti in via Marconi, con una guancia sanguinante per la colluttazione con la vittima. Mentre la ragazza, dopo aver fatto denuncia ai carabinieri, viene visitata al pronto soccorso dell’ospedale Bassini; dove la dimettono con 14 giorni di prognosi per un trauma al rachide tracheale dovuto alla caduta.
Aa